Omicron

#VisioniPrecarie vi propone “Omicron” film del 1963 di Ugo Gregoretti, con Renato Salvatori.

Un film particolare, che parte dalla fantascienza per poi rivelare il mondo del #lavoro, che di fantastico ha poco e niente.

In partenza sembra un classico film sugli alieni, un abitante del pianeta Ultra si impossessa del corpo morto di un uomo, Angelo Trabucco, perché ha intenzione di conquistare la terra.

L’uomo viene reintegrato in fabbrica e qui inizia la difficile convivenza tra l’extraterrestre e gli uomini.

Per i datori di lavoro è un ottimo operaio, pieno di forza e vigore, però non è tutto oro ciò che luccica…

Riuscirà l’abitante del pianeta Ultra a conquistare la Terra?

Se ti è piaciuto seguici anche su:

natiprecari

NatiPrecari ancor prima di essere un blog di approfondimento ed progetto editoriale è un dialogo. Un dialogo costante ed in continuo divenire su un mondo, quello del lavoro, all'interno del quale la precarietà (così come il caos) la fa ormai da padrone. Ed è proprio per la costante evoluzione di questo mondo e dei suoi protagonisti, i giovani, che ogni parola, ogni voce, ogni singola storia che noi raccogliamo ha il dovere, oltre che l'obiettivo primario, di portare alla luce questa condizione che è sotto gli occhi di tutti ma che, nonostante ciò, fatica ancora ad essere presa in reale considerazione. Ebbene sì, siamo Nati Precari ma non molliamo la presa! La speranza è di riuscire a mettere a frutto i nostri anni di studio, le nostre inclinazioni, le nostre esperienze, le nostre competenze, e a realizzare i nostri sogni. Come quello di avere un lavoro degno di essere definito tale!

Ti potrebbe interessare anche...

Continua a segurci su